CHIUSURA FERIE ESTIVE

LE NOSTRE FERIE INIZIERANNO IL GIORNO 11/08/2014 E TERMINERANNO IL 23/08/2014… [continua]

Armadio fatto a misura "10 MM"

Con "10 MM" Erba presenta un nuovo tipo di contenitore che supera la comune idea… [continua]

“Rovere Tattile Millenium” Nuova finitura in legno per Artematica by Valcucine.

La nuova finitura viene realizzata in legno impiallacciato ricavato da alberi… [continua]

News

01/06/2014

BONUS FISCALE MOBILI | Detrazione 50%

Prorogato fino a fine 2014 gli incentivi legati al Bonus Mobili. È quanto stabilito dal Governo con il disegno di legge Stabilità 2014 varato dal Consiglio dei Ministri nei giorni scorsi. E il 15 ottobre è arrivata la conferma: il Governo ha convalidato il Bonus dal 31 dicembre 2013 al 31 dicembre 2014.

Dal 6 giugno fino al 31 dicembre 2013, prorogata per tutto il 2014, chi compra mobili e cucine per arredare una casa ristrutturata potrà usufruire dello sconto del 50%. Il decreto legge n. 63 del 4 giugno 2013, oltre a prorogare di sei mesi il bonus 50% per la ristrutturazione, ha infatti esteso il beneficio fiscale anche al settore dell'arredo. Ma come funziona il "bonus mobili"?

Cerchiamo di capire per quali lavori è possibile usufruire dello sconto, chi ha diritto a beneficiarne, quali mobili potranno essere acquistati e quale procedura burocratica bisognerà seguire per non perdere il vantaggio fiscale.

Chi può beneficiare del bonus mobili. Tutti i soggetti che hanno avviato una ristrutturazione a partire dal mese di luglio 2012 e che hanno acquistato mobili "finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazioni" entro il 31 dicembre 2013, prorogato al 31 dicembre 2014. In pratica, potrà avere lo sconto solo chi ristrutturerà il proprio appartamento e ne documenterà le spese.

Quali arredi rientrano nello sconto 50%. L'art. 16 del decreto legge prevede soltanto che i mobili acquistati dovranno essere "finalizzati all'arredo dell'immobile oggetto di ristrutturazione". Diversamente da quanto annunciato inizialmente, non si parla quindi solo di arredi fissi (cucini e bagni in muratura, armadi a muro, etc.), ma sembrerebbe che il bonus si possa estendere a tutte le tipologie di arredo, purché utilizzate per l'arredamento di un immobile ristrutturato.

Scadenza e limiti di spesa. La detrazione Irpef del 50% delle spese di ristrutturazione degli immobili è stata prorogata fino al 31 dicembre 2013 con un tetto massimo di spesa di 96.000 euro e la ripartizione in dieci rate annuali di uguale importo. In aggiunta, tale bonus 50% si applica anche alle spese sostenute per l'acquisto dei mobili fino a un massimo di spesa di 10.000 euro (sempre detraibili in 10 anni).

Procedura da seguire per chiedere il bonus. Dopo aver verificato di possedere tutti i requisiti, la procedura da seguire per chiedere il bonus è la stessa di quella per le ristrutturazioni. Innanzitutto bisognerà conservare tutte le autorizzazioni e i titoli edilizi che documentano i lavori di ristrutturazione (Permesso di costruire, Dia, Scia, autocertificazione, comunicazione alla Asl, etc.). Fondamentale è che le spese per l'acquisto dei mobili siano documentate da regolare fattura di acquisto e ricevuta di pagamento e pagate tramite bonifico bancario o postale.

Guarda il video "Il Bonus Mobili" dell'Agenzia delle Entrate

E' attivo il nuovo sito http://www.bonusmobili.it/ con dettagli del Bonus, FAQ e informazioni utili sul tema.

Allegati

Vademecum Bonus Mobili 2014 (PDF, 1.48 MB)

flickr twitter facebook